domenica 26 aprile 2015

The avengers, Age of Ultron – visioni


... Sì, la città sta volando e io ho arco e frecce. Nulla ha senso.
Ecco, in questa frase di Occhio di Falco c'è un po' tutto un film che si può definire la miglior gestione possibile per una storia ingestibile.

La passione del marito per i supereroi mi ha ormai dato solide basi per districarmi nel complicato universo Marvel. I Vendicatori, gli Avengers, quindi sono un raccogliticcio gruppo di super eroi che, nella versione cinematografica comprende: il miliardario con il buon senso inversamente proporzionale all'intelligenza, l'altro genio che però si trasforma in un mostrone verde e animalesco, la più o meno divinità belloccia, figlio di papà, il bravo ragazzo rimasto surgelato per settant'anni, la ragazza dal passato tenebroso che non sa decidere se uccidere le piaccia davvero o no e l'arciere che sembra aver sbagliato film.
Un simile gruppo di prime donne sarebbe il terrore di qualsiasi regista, anche considerando che dietro i personaggi ci stanno attori dalle personalità più o meno ingombranti e ciascuno lotta per sovrastare le altre. La sceneggiatura, poi, ci aggiunge: un congro numero di super eroi di seconda linea alla ricerca di visibilità, un esercito di robottoni cattivissimi con a capo un robottone più cattivo, due gemelli con i superpoteri in crisi esistenziale/adolescenziale, un altro robottone rosso. Per condire il tutto una serie di personaggi secondari, amici e nemici, di cui è comunque bene ricordarsi nome e ruolo. Il tutto per una durata di poco più di due ore che per un tale minestrone è una cottura a malapena sufficiente. Qualsiasi regista avrebbe gettato la spugna al solo leggere lo script.
La cosa sorprendente è che il lavoro sui personaggi è fatto bene.
Ognuno dei personaggi principali ha un suo approfondimento, anche Occhio di Falco, che nel film precedente sembrava davvero aver sbagliato pellicola e cercare con disperazione gli orchi. I due nuovi super eroi, pur con una storia ritagliata un po' malamente a causa della dispersione dei diritti delle storie originali a fumetti (chissà cosa pensa il buon Magneto di essere stato dichiarato morto a causa di una granata...), sono ben presentati. Tutte le scene di interazione, siano esse di battaglia o di relax, sono assai godibili con un bilanciamento tra azione pura e introspezione quasi perfetto.
Certo, considerato il tempo a disposizione e i personaggi in gioco non si può pretendere che tutto funzioni. Quello che è stato concesso alla gestione dei personaggi è stato tolto, a mio avviso, alla trama in sé.
La creazione del nemico, Ultron, è a dir poco frettolosa, poi questo si sveglia e zac, vuole distruggere l'umanità. E quindi, invece di ragionare un attimo sul perché e il per come sia spuntato, che diavolo, sbrighiamoci a farlo fuori a mazzate! 
Alla fine il succo degli Avengers non è questo? Non importa se sei un super scienziato, l'importante è che tu ti possa trasformare in un mostrone verde che picchia forte, perché, si sa, l'umanità di salva sempre e solo a mazzate!
Accettato questo assunto di base: i problemi si risolvono con il picchia picchia, perché a usar l'intelligenza si fanno solo danni, tutto scorre.
Le location italiane fanno la loro figura (carino che ci abbiano scelto per rappresentare un immaginario scalcagnato stato filorusso...) e le scene d'azione sono allo stato dell'arte.

Insomma... La città sta volando, io ho arco e frecce. Nulla ha senso!
Ma se questo non vi disturba particolarmente, non si può dire che non ci si diverta.

PS: un salutone speciale ad Aislinn, incontrata per caso all'uscita dalla sala.

14 commenti:

  1. Marito e figli stanno andando proprio adesso: io no! A casa, a fare i compiti! ;)

    RispondiElimina
  2. Anche se non è il mio genere, mi hai messo una curiosità... Andrò a vederlo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Offre quello che promette, niente di più, ma, per una volta, neppure niente di meno.

      Elimina
  3. Fantastica la carrambata all'uscita! Io adoro questo genere di incontri a sorpresa.
    Sandra

    RispondiElimina
  4. Un abbraccione a te! ^___^ Ci scriverò qualche riga anch'io, se trovo il tempo e le energie mentali in questo periodo annullate da scazzi malinconie depressioni e mancanza di sonno :-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. scazzi, malinconie, e mancanza di sonno vanno alla grande anche qui... Depressione non ancora, per fortuna, ma una certa rabbia che va ad accumularsi ogni volta che sento "riforma della scuola" c'è...
      Per certi versi un film così caciarone era proprio quello che mi ci voleva

      Elimina
  5. Appena visto. Questi film vanno visti sapendo cosa si va a vedere, qualcosa che alla fine non sta troppo in piedi. In effetti non ho capito sulla base di cosa Ultron cambi bandiera.
    Però la casa dell'arciere è proprio la mia idea - e il mio sogno - di casa :)
    Una curiosità: dove hai visto l'Italia? O.O

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il forte dell'Idra è in Val d'Aosta e anche il paesello limitrofo è stato ricavato da Aosta e dintorni. Quei tetti d'ardesia da dove vuoi che possano venire?
      PS: anche a me piace molto la casa di Occhio di Falco.

      Elimina
  6. Sì, ma le coppie? Non lo scrivo per non fare spoiler, ma gessummaria, ci sono rimasta troppo male. Troppo. Male.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Coppie?
      Io non ho trovato mal gestite le relazioni tra i personaggi, ma non ho mai letto i fumetti Marvel (mi faccio fare i riassunti dal marito) e ammetto di non essere troppo affezionata a questi super eroi, anzi, mi auguravo qualche decesso in più rinforzare i conflitti.

      Elimina